Alla ricerca dell’acqua in Focide e Beozia!

Nell’ambito del mio percorso di dottorato sulla gestione delle acque a Solunto (Polizzi Giovanni, L’exploitation des ressources en eau dans la cité antique de Solonte – Sicile/Italie), ho potuto approfittare di una borsa di studio erogata dall’Ecole française d’Athènes, per visitare alcune tra le più note località della Grecia. Una parte del soggiorno è stata dedicata alla visita di alcuni siti d’altura posti fra la Focide e la Beozia. Si tratta di insediamenti minori, generalmente posti in cima alle colline e difesi da possenti mura. L’interesse per questi siti è dovuta alle caratteristiche del substrato geologico, che certamente dovette influire nella scelta di questi luoghi per la costruzione dei centri abitati. È probabile che, oltre a motivazioni strategiche, questi siti siano stati scelti per la presenza d’acqua che, in maniera più o meno abbondante, serviva gli abitanti.

Sorgenti geotermali. Schema di funzionamento da Higgins, Higgins 1996, p. 11, fig. 1.8.

Dettaglio di una frattura del monte con tracce di alabastro calcareo.

In particolare, durante le piogge, l’acqua viene filtrata dalla roccia fino a raggiungere la falda sotterranea. Da qui, per permeabilità e per pressione idrotermale, risale lentamente sino alla superficie. Man mano che l’acqua risale, la sua temperatura si abbassa e la calcite si cristallizza lungo le pareti delle fratture, creando una stratificazione calcarea che può provocare la totale ostruzione delle fratture. Un fenomeno simile è ben visibile ad Eleusi ed è stato documentato da Higgins e Higgins (1996, p. 31).

La seguente ricerca si basa sull’osservazione delle incrostazioni calcaree lasciate dal passaggio delle acque all’interno delle fratture che attraversano molte delle aree occupate in epoca antica.

Analisi di una cisterna scavata nella roccia a Trachis.

In particolare, l’ipotesi principale che sta prendendo corpo negli ultimi mesi di ricerca, riguarda la possibilità che le cisterne raccogliessero non solo le acque piovane, ma anche le acque di risalita dal sottosuolo lungo le fratture, configurandosi anche come serbatoi.

Ho potuto notare, anche grazie al prezioso aiuto del geomorfologo Vincent Ollivier (CNRS-AMU), che buona parte delle cisterne presenti nell’antico centro di Solunto, dispone di particolari accorgimenti che suggeriscono la raccolta dell’acqua dal sottosuolo.

Tra queste:

  1. Forma fortemente irregolare delle cisterne;
  2. Realizzazione a ridosso delle fratture naturali del monte;
  3. Orientamento solidale alle stesse;
  4. Idonee caratteristiche geologiche dell’area del sito, che deve godere di una forte permeabilità del substrato roccioso, generalmente possibile in rocce di tipo calcareo-dolomitico.

Tra i primi confronti individuati, vanno segnalati due siti della Sicilia settentrionale, Tindari e Apollonia. Entrambi possiedono caratteristiche idonee all’infiltrazione delle acque e alla loro risalita, sempre testimoniata da incrostazioni calcaree, più o meno spesse, che si notano nelle fratture del monte. Nei due siti ho potuto rintracciare alcune cisterne realizzate con lo stesso sistema in uso a Solunto:

  1. Realizzazione a ridosso delle fratture del monte;
  2. Orientamento solidale alle fratture.
  3. Forma irregolare.

L’individuazione di questi due confronti mi ha portato a riflettere sulla possibilità dell’esistenza di simili manufatti con simili caratteristiche in altre località del Mediterraneo. Uno dei territori più idonei a questo tipo di ricerca è stato riconosciuto in Grecia, tra la Focide e la Beozia. Si tratta di una zona ricca di corsi d’acqua o di fontane citate dalle fonti antiche, alcune delle quali strettamente legate alla tradizione mitica. Molti comprensori, però, non godevano di sorgenti o di acqua potabile. È questo il caso di alcuni tra i siti selezionati. In particolare, per il sito di Thitorea, Pausania ci dice che gli abitanti si recavano al fiume per rifornirsi d’acqua potabile.

Panoramica da Abai presa da Sud-Est: Santuario di Apollo nella collina in primo piano; plateau di Hyampolis in secondo piano.

Per Hyampolis, lo stesso autore ci informa che gli abitanti disponevano di un solo pozzo e nessuna fonte d’acqua potabile, ad eccezione dell’acqua piovana (ciò denota l’esistenza di numerose cisterne). Partendo dalla lettura della bibliografia disponibile su alcuni centri d’altura fortificati (Trachis, Medeon, Hyampolis, Abai, Tithorea, Elatea, Ledeon, Parapotamioi), in vita all’epoca della terza guerra sacra (356-346 a. C), ho potuto individuare un piccolo numero di siti idonei alla costruzione di cisterne/serbatoi. Indizi principali per la scelta di questi siti sono stati la menzione in bibliografia di cisterne irregolari e le caratteristiche del substrato geologico, composto in prevalenza da “calcaire gris local”, che corrisponde al calcare (limestone).

Su otto siti indagati, quattro (Trachis, Medeon, Hyampolis e Abai) hanno restituito caratteristiche idonee alla creazione di cisterne serbatoi. Gli altri centri erano costruiti su un substrato geologico di tipo scistoso o conglomeratico, che non permette la risalita d’acqua, o disponevano di corsi d’acqua o sorgenti nelle immediate vicinanze.


L’individuazione delle tracce di risalita in quattro su otto siti, sembrerebbe confermare che l’impiego di cisterne/serbatoi, possa avere origini molto più antiche del periodo tardo-classico o ellenistico, come nel caso di Solunto, Tindari o Apollonia. Alcuni dei centri indagati nella Grecia centrale hanno un’origine ben anteriore all’epoca classica, essendo occupati sin dall’epoca Micenea (ad esempio Medeon – Typaldou-Fakiris 2004, p. 231). Che le popolazioni micenee fossero in grado di realizzare elaborate infrastrutture legate allo stoccaggio delle acque (vedi la grande cisterna sotterranea di Micene – Stewart, Piccardi 2017, p. 713-714) è risaputo e visibile a chiunque voglia recarsi presso le cittadelle fortificate di questa epoca. Essendo nota, poi, la loro profonda conoscenza del territorio, non sarebbe peregrina l’ipotesi che gli abitanti di questi centri abbiano voluto sfruttare le potenzialità geologiche a loro vantaggio, costruendo delle cisterne/serbatoi che potrebbero costituire gli antenati, in piccolo, degli esempi delle grandi cisterne/serbatoi connesse alle fontane di epoca arcaica (ad esempio, la fontana Peirene di Corinto). Del resto, sono note le incidenze tra le particolari condizioni geologiche e la presenza di insediamenti micenei, per esempio Micene o Eleusi. Micene costituisce un buon confronto per la composizione geologica di tipo calcareo e per la presenza di fratture nel substrato roccioso, di cisterne e di una fontana sgorgante dalla roccia nel lato meridionale della collina. A ridosso delle fortificazioni del versante Nord Est si trova una grande cisterna sotterranea ricavata in una faglia che attraversa il monte (stessa tecnica in uso nei siti di cui sopra – Stewart, Piccardi 2017, p. 713-714).

 

Ad Eleusi, famoso centro religioso panellenico, le più antiche attestazioni, risalenti ad epoca micenea, si trovano a ridosso dell’area centrale del santuario, tra il Ploutonion e l’angolo settentrionale del Telesterion (Mylonas 2010, pp. 29-33). Le pendici nord orientali della collina dovevano disporre di grandi quantità d’acqua e proprio in quest’area si trova il Pozzo Callichoron dove, secondo l’inno omerico a Demetra, la divinità, stanca, si volle riposare. L’area è attraversata da larghe fratture con orientamento Est-Ovest, riempite con stratificazioni carbonatiche, tipico segno del passaggio dell’acqua ricca in CaCO3.

Quello delle cisterne/serbatoi e del loro inserimento nel paesaggio è un aspetto che non è mai stato indagato in maniera approfondita e costituisce un esempio ben riuscito di studio interdisciplinare. Si tratta di una ricerca che, tramite l’osservazione diretta dei contesti, sta fornendo una nuova chiave di lettura per la comprensione dell’approvvigionamento idrico di alcuni siti del mondo antico.

Riferimenti bibliografici

B. Cosmopoulos, Bronze Age Eleusis and the Origins of the Eleusinian Mysteries, Cambridge 2015.

Fahlbusch, Greece : The cradle of European hydraulic engineering and water management, in Cura Aquarum in Greece. Proceedings of the 16th International Conference on the History of Water Management and Hydraulic Engineering in the Mediterranean Region, Siegburg 2017, pp. 1-30.

E. Mylonas, Eleusis and the Eleusinian Mysteries, London 2010.

D. Higgins, R. Higgins, A geological companion to Greece and the Aegean, Ithaca, New York 1996, pp. 31 (Eleusis), 46-47(Mycenae), 74-76 (Boeotia and Thebes).

E. Iakovidis, Late Helladic citadels on Mainland Greece, Leiden 1983.

S. Stewart, Luigi Piccardi, Seismic faults and sacred sanctuaries in Aegean antiquity, in Proceedings of the Geologists’ Association, Volume 128, Issues 5–6, October 2017, pp. 711-721

Typaldou-Fakiris, Villes fortifiées de Phocide et la IIIe guerre sacrée (356-346 av. J.-C.), Aix en Provence 2004.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *